Neve e Sci

Levico terme e Panarotta

La Valsugana offre una combinazione ideale tra ambiente naturale e attività sportiva: è infatti una grande palestra naturale all’aria aperta dove si possono praticare i più svariati sport.

L’ambiente naturale invita a piacevoli e rilassanti passeggiate: si va dalle più facili e con poco dislivello attorno ai laghi a vere e proprie escursioni alpinistiche nella catena montuosa del Lagorai o sull’Altopiano di Vezzena.
Gli appassionati delle due ruote trovano qui numerosi percorsi per mountain bike, oltre al la nuova pista ciclabile che da Caldonazzo, lungo il fiume Brenta, porta a Grigno.

I laghi di Caldonazzo e Levico sono la cornice ideale per chi ama gli sport d’acqua:nuoto, vela, windsurf, canoa, canottaggio, sci d’acqua, dragon boat, pesca.

Sul lago di Caldonazzo sono attivi quattro club nautici che organizzano regate e competizioni a livello nazionale ed internazionale.
Numerose e di ottima qualità le infrastrutture sportive: oltre ai nuovi palazzetti dello sport di Calceranica e Caldonazzo, quest’ultimo con parete artificiale per l’arrampicata, ci sono 2 piscine coperte, 2 piscine all’aperto, 22 campi da tennis di cui 8 presso il nuovo Centro Tennis di Roncegno, 11 campi da calcio, 22 campi bocce, 2 campi pratica golf, 3 minigolf, 1 centro equitazione, 1 percorso vita, 8 campi di pattinaggio su ghiaccio fra cui 1 piastra artificiali, pedana di decollo per deltaplano e parapendio, palestre di orienteering.

Sono inoltre praticabili ciclismo, calcio, pallavolo, pallacanestro.
In inverno si può praticare lo sci alpino sulle piste della Panarotta 2002, lo sci di fondo e lo sleddog sull’Altopiano di Vezzena e si possono effettuare escursioni di sci d’alpinismo e con racchette da neve nella splendida catena montuosa del Lagorai.

Coccole di neve in Valsugana: l’inverno a misura di famiglia.

Se siete alla ricerca di una destinazione invernale che consenta a voi e alla vostra famiglia di sciare in piena tranquillità e sicurezza, su piste perfettamente innevate ma non per questo affollate, in un ambiente naturale suggestivo e unico e soprattutto lontano dai grandi centri e dallo stress, la vostra meta ideale è sicuramente la Valsugana.
In questa bianca vallata incorniciata dalle splendide montagne della catena Lagorai – Cima d’Asta vi sentirete teneramente coccolati da una generosa madre natura, nonché dalla calda ospitalità che contraddistingue la popolazione locale, da sempre attenta ai desideri e alle aspettative di chi trascorre le proprie vacanze in quest’area.
Facilmente raggiungibile, a soli 10 km da Trento e 50 da Bassano, la Valsugana offre infatti un ampio ventaglio di attività in grado di soddisfare le esigenze di tutta la famiglia, rendendo unica l’esperienza vissuta in questo angolo di Trentino.

Nella stazione sciistica Panarotta 2002, che dispone di 18 km di piste facili e di media difficoltà e di agevoli impianti di risalita, i genitori possono sciare in tranquillità mentre i piccoli trascorrono ore di divertimento con gli animatori della Scuola Italiana di Sci.

Le piste di fondo sull’altopiano di Vezzena e in Val dei Mocheni rappresentano invece un’ottima occasione per praticare attività fisica assaporando il diretto contatto con la natura, così come le uscite con le racchette da neve, chiamate ciaspole nel dialetto locale, permettono di vivere la montagna invernale con un approccio più intimo e attento agli aspetti meno evidenti della natura. Mentre in montagna si svolgono tutte queste attività, il fondovalle e le sue numerose località giocano un importante ruolo complementare, ospitando luoghi di cultura, centri benessere e occasioni di svago e di divertimento. La giornata attiva trascorsa in quota può essere quindi conclusa passeggiando nei centri storici alla scoperta di angoli caratteristici e facendo shopping nelle piccole botteghe che offrono i prodotti tipici della valle. E dato che l’inverno è incentrato sulle festività natalizie, respirare la suggestiva atmosfera tra presente e passato che aleggia all’interno dei Mercatini di Natale, a Levico nel secolare Parco degli Asburgo e a Caldonazzo nella splendida cornice della Magnifica Corte Trapp, contribuiranno a rendere ancora più intenso di emozioni e quindi indimenticabile il vostro soggiorno in Valsugana.
Panarotta 2002, sport e relax nella natura:
spazio alla famiglia!

A pochi chilometri da Bassano e da Trento, si apre un’oasi di pace e relax per sciare in piena tranquillità, negli splendidi scenari della catena del Lagorai con vista panoramica sulle Dolomiti di Brenta: Panarotta 2002 è la meta ideale per una vacanza sulla neve all’insegna del benessere e del divertimento, particolarmente indicata per famiglie con bambini e per gli sciatori che ricercano il contatto più genuino con la natura.

Con un ventaglio di 6 proposte – una pista difficile, 2 di media difficoltà e 3 piste facili – Panarotta 2002 è in grado di soddisfare qualsiasi tipo di esigenza, mantenendo inalterata quella mancanza di confusione ed affollamento che è diventata il suo punto di forza.

I 18 km di piste perfettamente battute, sempre praticabili grazie agli impianti per la neve programmata e con ottima esposizione al sole, offrono campi scuola ampi e in lieve pendenza indicati per bambini e principianti, che possono avvalersi dell’esperienza dei maestri della Scuola Italiana di Sci Panarotta 2002, mentre i più esperti possono cimentarsi in lunghe e comode discese tra i boschi di abeti e di larici.

Non mancano agevoli impianti di risalita – potenziati dalla nuova seggiovia quadriposto – scuola di sci, noleggio sci e scarponi, servizio di pronto soccorso, rifugi, ristoranti self-service con cucina tipica, animazione per i più piccoli.

Ski Area Valsugana

Panarotta 2002 ha messo a punto una rete di servizi offerti gratuitamente o a prezzi agevolati con la sottoscrizione di un semplice e conveniente abbonamento. Con un unico e vantaggioso skipass è possibile infatti sciare sulle piste di Panarotta 2002 e usufruire gratuitamente dei percorsi da fondo presso il nuovo anello della Valle dei Mocheni, la cui partenza si trova proprio in prossimità degli impianti di risalita della Panarotta. Lo stesso skipass permette inoltre di pattinare gratuitamente allo stadio del ghiaccio Ice Rink di Baselga di Pinè, un anello artificiale di 400 m che soddisfa l’atleta professionista e diverte il principiante, mentre la piscina di Levico offre una forte riduzione sia sulle singole entrate che sugli abbonamenti. Non meno importante: il possessore dello skipass potrà usufruire anche di sconti presso oltre 50 esercizi commerciali, ristoranti e strutture sportive della Valsugana.

SPECIALE FAMIGLIE

Se le piste di medie e facili, i comodi impianti di risalita ed i campi scuola ampi ed in lieve pendenza garantiscono la possibilità di trascorrere le giornate sugli sci, è vero anche che la vocazione di Panarotta 2002, quale meta di vacanza per le famiglie con bambini, ha dato vita a progetti studiati per lo svago degli ospiti più giovani.

A partire dall’apertura di dicembre degli impianti di risalita, è in serbo un caleidoscopio di attività, sorprese e leccornie dedicate a bambini e ragazzi dai 4 ai 12 anni. Tutti i giorni gli esperti animatori della Scuola Italiana di Sci faranno divertire i più piccoli: assieme all’orso Ben bambini e ragazzi potranno scoprire la tana degli orsacchiotti, giocare tra i pupazzi di neve, assistere a spettacoli di marionette oppure partecipare a mini gare di sci, alla corsa delle slitte, fare la palla di neve più grossa e tanto altro ancora…E siccome Ben è molto, ma molto goloso, non mancherà una deliziosa merenda!

Atmosfere di Natale in ambientazioni uniche

E per vivere ancora più intensamente l’emozione del Natale in Valsugana, numerosi sono i presepi visitabili in diverse località, lungo un itinerario alla scoperta degli angoli più caratteristici degli antichi borghi.

Sensazioni intense e grandi emozioni: ecco cosa vi offre la Valsugana, da novembre fino al 9 gennaio, in occasione della festività più attesa dell’anno. In questa valle comodamente raggiungibile sia da Trento, sia da Bassano, potrete visitare Mercatini di Natale ambientati in location suggestive, dove passato e presente si confondono per far rivivere la storia e le tradizioni locali.

A Levico Terme il Mercatino si sviluppa all’interno del Parco secolare degli Asburgo, imponente testimone dello sviluppo termale della località, che ospita piante maestose e invita a dolci passeggiate lungo i suoi viali innevati. Il mercatino offre un ricco itinerario alla scoperta dei gusti e dei sapori della Valsugana con prodotti tipici, degustazioni e specialità locali, nonché una grande varietà di oggetti di artigianato artistico: tante idee a vostra disposizione per completare gli acquisti natalizi destinati ai grandi e ai piccoli amici!

A Caldonazzo è l’incantevole cornice della Magnifica Corte Trapp ad ospitare il Mercatino di Natale a Corte. Nel cortile interno del maniero e sotto l’antico decimaio, decorato per l‘occasione, i visitatori potranno trovare punti di degustazione e vendita di specialità trentine, tra i quali gustosi affettati e formaggi, vini, grappe, i famosi Parampampoli, le caldarroste e il fumante vin brulè, oltre a caratteristici stand con artigianato tipico, originali regali natalizi, figure e statuette per il presepio.

E per vivere ancora più intensamente l’emozione del Natale in Valsugana, numerosi sono i presepi visitabili in diverse località, lungo un itinerario alla scoperta degli angoli più caratteristici degli antichi borghi.

A tutta natura nella neve!

Bastano pochi chilometri dal fondovalle per immergersi completamente nella natura e ritrovare pace, tranquillità e un più profondo contatto con se stessi. Nella catena del Lagorai e sull’altopiano di Vezzena potrete trovare suggestivi itinerari per sci d’alpinismo e per escursioni in totale libertà con le racchette da neve.

Sconfinata distesa di pascoli e boschi situata a 1.500 metri di altitudine, l’altopiano di Vezzena è un autentico paradiso dello sci di fondo, con chilometri e chilometri di tracciati in un ambiente naturale di rara bellezza. In inverno, dunque, l’altopiano di Vezzena, assieme ai vicini altopiani di Folgaria, Lavarone e Luserna, si trasforma in uno spazio ideale per vivere la montagna in totale libertà.

Gli appassionati di sci di fondo trovano qui decine di chilometri di piste collegate con il vicino Centro Fondo Millegrobbe. Sono numerosi anche i percorsi per passeggiate e per escursioni con le racchette da neve e con gli sci d’alpinismo.

Tra gli itinerari che lambiscono le tipiche malghe alpine e i forti della prima Guerra Mondiale è di particolare suggestione la salita a Cima Vezzena, detta anche Pizzo di Levico (1908 m.), dalla quale si può godere di un panorama mozzafiato sui laghi della Valsugana.

Lo sci di fondo può essere praticato anche in Valle dei Mocheni in prossimità degli impianti di risalita della Panarotta 2002. Qui, a quota 1800 m, si snoda un anello interamente in mezzo ai boschi .

Il gruppo del Lagorai e la Valle dei Mocheni su di un lato e l’altopiano di Vezzena dall’altra, fanno della Valsugana un ottimo punto di partenza per escursioni di sci alpinismo. Il paesaggio incontaminato, il limitato carico antropico e la vista che spazia dal Lagorai al Gruppo del Brenta sono una delle tante ricompense che si possono ottenere dopo la fatica della salita verso le cime. Le baite e i masi che si incontrano dai punti di partenza della zona Cinque Valli sopra Roncegno Terme e Vetriolo o in fondo alla Valle dei Mocheni faranno da cornice alle escursioni

Ciaspolando in Valsugana…

Partono dalle località alle porte del Lagorai – Vetriolo con la Panarotta, la vicina Valle dei Mocheni, Roncegno Terme e, sull’altro versante della valle, l’Altopiano di Vezzena – gli itinerari non solo per sci alpinismo, ma anche per escursioni con le racchette da neve, chiamate ciaspole nel dialetto locale, ideali per chi è alla ricerca di un diverso approccio, più intimistico e autentico, con il fascino della montagna d’inverno

Il Lagorai

Il gruppo del Lagorai-Cima d’Asta è una delle catene montuose più estese, suggestive e meno conosciute delle Alpi Orientali. La catena del Lagorai si snoda per circa 50 km. raggiungendo la sua massima elevazione con i 2.754 metri di Cima di Cece.

Creato dalle eruzioni vulcaniche e modellata dal lento lavorio dei ghiacci di epoca quaternaria, a cui si deve la suggestione degli oltre 100 laghetti d’alta quota, il Lagorai è un gruppo montuoso ricco di fascino, spesso selvaggio e solitario.

A chi ama il trekking il Lagorai offre percorsi facili ed effettuabili anche nell’arco di mezza giornata, ma anche itinerari più impegnativi e lunghissime suggestive traversate anche di più giorni sia nel periodo invernale che in quello estivo.

Escursioni a cavallo

La Valsugana d’inverno offre la possibilità di cavalcare in un ambiente incantato. La neve crea un ambiente naturale particolarmente suggestivo per organizzare delle escursioni a cavallo che si possono realizzare sia nel fondo valle in prossimità dei laghi, probabilmente ghiacciati, o in quota organizzando anche delle gite di più giorni. Appuntamento da non perdere è la famosa Translagorai che, con partenza da Pergine, attraversa tutto il gruppo del Lagorai per arrivare in Val di Fiemme. Un’avventura emozionante nella solitudine di montagne e luoghi ancora poco frequentati.

PATTINAGGIO SU GHIACCIO

Altro sport tipicamente invernale, che coinvolge, divertendoli allo stesso modo, grandi e piccini tra ruzzoloni e risate, è il pattinaggio su ghiaccio. E la Valsugana mette a disposizione, oltre al famoso anello dell’Ice Rink di Baselga di Pinè, tre campi di pattinaggio con possibilità di noleggio pattini a Caldonazzo, Pergine Valsugana e Canezza. Sono aperti anche la sera, per un dopocena insolito e divertente.

Cultura in Valsugana e nei dintorni

Oltre ai piccoli, numerosi tesori conservati nelle località della valle a testimonianza della storia e della cultura che hanno caratterizzato questi luoghi, gli ospiti della Valsugana hanno la possibilità di visitare a poca distanza tre grandi “icone culturali” del Trentino, famose a livello internazionale.

ARTE SELLA

ARTE SELLA è una biennale internazionale di arte contemporanea, nata nel 1986, che si svolge all’aperto nei prati, nei boschi della Val di Sella (comune di Borgo Valsugana). Dal 1996 si è sviluppato lungo una strada forestale sul versante sud del monte Armentera un ideale percorso chiamato ARTENATURA lungo il quale il visitatore può vedere le opere e allo stesso tempo godere delle particolarità ambientali del luogo (diversi tipi di bosco, presenza di rocce, di alberi monumentali…).

La manifestazione si pone non solo come esposizione qualificata di opere d’arte, ma anche e soprattutto come processo creativo: l’opera è seguita giorno per giorno nel suo crescere e l’intervento dell’artista deve esprimere il rapporto con la natura basato sul rispetto, traendo da essa ispirazione e stimolo. Le opere sono generalmente tridimensionali, perché ottenute con sassi, foglie, con rami o tronchi; più raramente sono utilizzati oggetti, materiali o colori artificiali. Alla chiusura della manifestazione molte opere sono abbandonate al degrado e si inseriscono nel ciclo vitale della natura; altre iniziano invece un percorso che le porta nei musei, nelle gallerie d’arte, in vari spazi espositivi in Italia o all’estero.

Da alcuni anni le attività di Arte Sella si sviluppano anche a Malga Costa sempre nella valle di Sella, dove si susseguono in una cornice insolita ma suggestiva, mostre, eventi che hanno ormai connotato questo luogo come vero e proprio spazio espositivo. Nei pressi di malga Costa nel 2001 l’artista Giuliano Mauri ha realizzato per Arte Sella l’opera monumentale chiamata “Cattedrale vegetale”.

Vale la pena, trovandosi in Valsugana, visitare le vicine città di Trento (20 km), che vanta storia e cultura antiche: una visita al Castello del Buonconsiglio è un viaggio nel passato e nella storia dell’arte. Sviluppatosi come edificio fortificato con scopo puramente difensivo, a partire dalla seconda metà del Duecento è stato adibito a residenza del Principe Vescovo di Trento. Accanto al nucleo originario, la Torre d’Augusto e il Palazzo Vecchio, il Principe Vescovo Bernardo Clesio fece erigere dai migliori artisti dell’epoca il Magno Palazzo, una nuova residenza simbolo della cultura rinascimentale e sede di intensa attività politica. Il Castello del Buonconsiglio ospita oggi il Museo Monumenti e Collezioni Provinciali e il Museo Storico in Trento.

Dalla Valsugana a Rovereto (35 km) il passo è breve. Meta indiscussa degli amanti dell’arte moderna , il Mart, Museo di Arte Contemporanea di Trento e Rovereto, è stato inaugurato nel 2002 e si articola su quattro piani. La superficie espositiva è di 6.000 mq. dedicati all’arte del XX e XXI secolo. Al primo piano vengono ospitate le mostre temporanee mentre al secondo è esposta la mostra permanente: ilprezioso patrimonio del Mart è costituito da oltre 7.000 opere tra dipinti, disegni e sculture. Una parte significativa è dedicata al Futurismo e in particolare alla produzione dell’artista Fortunato Depero.

Non solo neve

Inverno in Valsugana non significa soltanto sport invernali e alta montagna. In questo angolo del Trentino tutto concorre per creare l’atmosfera ideale per una vacanza all’insegna del vero benessere: l’ambiente incontaminato, le acque termali dalle proprietà benefiche, la possibilità di vivere a stretto contatto con la natura e, soprattutto, l’antica tradizione di ospitalità fortemente radicata nella cultura locale.

L’altitudine non troppo elevata della zona dei laghi di Caldonazzo e Levico permette di effettuare facili e brevi passeggiate in ogni periodo dell’anno. I laghi d’inverno sono bellissimi e suggestivi, rivelano scorci inediti e, a chi sa osservare, innumerevoli forme di vita nascosta.

Levico, Caldonazzo, Pergine e tutti i piccoli centri che costellano il fondovalle offrono la possibilità di fare shopping nelle graziose botteghe con i prodotti dell’artigianato locale, passeggiando negli antichi borghi alla scoperta degli angoli più caratteristici e visitando i Mercatini di Natale.

I buongustai potranno conoscere i prodotti tipici ed assaporare i gustosi piatti della cucina tipica trentina, accompagnati da vini doc da degustare in un’atmosfera di cordialità e calore.

Chi desidera dedicare le proprie vacanze allo sport, in tutte le sue declinazioni, ed alla cura del corpo, oltre alla sconfinata palestra offerta dalla natura, può disporre, nelle diverse località della valle, di campi da tennis, piste di pattinaggio, piscine e di moderne ed attrezzate palestre per il fitness, lo spinning e la pesistica.

Dopo una giornata trascorsa sugli sci, al termine di un’escursione con le racchette da neve oppure dopo essere stati a zonzo tra i Mercatini di Natale, non c’è nulla di meglio per rilassarsi che affidarsi ad uno dei centri benessere della Valsugana. Luoghi magici, in cui un’esperienza antica si coniuga alle più moderne tecniche finalizzate al recupero dell’equilibrio psicofisico.

È una delle rare ville d’eau termali ottocentesche conservata intatta nel suo disegno originale: giardini, viali colorati di fiori, palazzo delle terme ed alberghi in stile. Cittadina elegante e ben frequentata, case e vie di modello alpino.

Al centro le terme, note alla medicina internazionale per la loro efficacia terapeutica dovuta alle acque arsenicali-ferruginose uniche in Italia. Il grande parco di forte impronta nordica circonda il Grand Hotel delle Terme in stile liberty, noto in tutta Europa e non solo fin dal secolo scorso per la frequentazione degli Asburgo.

Ai piedi della cittadina il lago verde blu omonimo a forma di fiordo ideale per la pesca, le barche a remi e tranquille nuotate. Levico propone salute, benessere termale e climatico, sport e divertimento all’aria aperta per i suoi ospiti negli alberghi, nei campeggi sul lago e negli appartamenti, oltre a passeggiate sui colli fra castelli e biotopi, o nell’antico centro storico alla scoperta dell’artigianato tipico e della cucina trentina tirolese.

Alle spalle di Levico, a quota 1.500 metri, la località di Vetriolo, alberghi nelle abetaie vicino alle grotte dove l’acqua termale sgorga dalla roccia. Più in alto gli impianti sciistici di Panarotta 2002, facilmente raggiungibili e bene collegati alla Valsugana, all’autostrada del Brennero e al Veneto. Panarotta è la porta occidentale del Lagorai: valli, montagne, laghetti alpini, «baite», natura intatta per giornate di cammino in quota, escursioni in mountain bike e per la pratica del volo libero